ottobre 6, 2016

Giorgio Sebastiano Giusti

Giorgio Sebastiano Giusti nasce a Pavullo nel Frignano modenese il 14 dicembre del 1946. Si iscrive nel 1961 all’Istituto D’Arte Adolfo Venturi di Modena che però abbandona senza conseguire alcun diploma, lasciando comunque nei suoi insegnanti di pittura e scultura, Vecchiati Varroni e Quartieri, un’ottima impressione. Nel 1968 consegue diploma per l’insegnamento, frequentando un corso per corrispondenza. Nello stesso anno sotto la guida di Severo Pozzati frequenta a Bologna un corso di Cartellonistica. Pur mantenendo intatta la passione per la pittura, assieme al fratello, per mantenersi si dedica all’artigianato d’arte.

Dal 1965 al 1978 inoltre dedica la sua attenzione anche alla musica, con il ruolo di compositore contralto e chitarrista del gruppo “I Viulan”. Il suo innato talento artistico difeso ad oltranza e senza sottostare a regole scolastiche, nonostante le oggettive difficoltà che tale onore implicitamente comporta, lo conducono ad applicarsi interamente alla pittura a tempo pieno. Una scelta meditata e supportata dai riconoscimenti di critica e pubblico che negli anni lo hanno sostenuto e condotto fin qui.

Oggi Giorgio Sebastiano Giusti è pittore da oltre 40 anni, e vive e lavora ancora a Pavullo, apprezzato dalla critica e dal pubblico per il suo “surrealismo onirico”, sperimenta dal 2013 le sue “versioni del realismo-espressionista” e crea un rapporto nuovo tra natura, immagine-figura e sfondo, interpretando in modo originale, la prospettiva realista moderna. Giusti raccoglie dal quotidiano dettagli minimi li elabora in sè e li reimpianta sulla tela. Se nel mondo di ciascuno “esiste unicamente ciò che si è in grado di sperimentare e percepire” Giusti ci accompagna e ci invita a dilatare I confini del nostro guardare quotidiano. È coniugato del 1973 con Donatella Giusti dalla quale ha avuto 2 figli Alessio e Matteo.